Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie per le finalità illustrate nella pagina dedicata alla pagina dedicata alla privacy e cookies policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto, acconsenti all’uso dei cookie.

IPDM - Lo psicologo può collaborare con altre figure professionali?

Ad oggi tre regioni italiane si stanno contraddistinguendo per aver coinvolto la figura dello psicologo delle cure primarie con medici di medicina generale (MMG): Veneto, Umbria e Puglia.

La figura in questione, affiancando l’operato di medici e pediatri, aiuterebbe a analizzare e prendere in carico pazienti prima che le loro problematiche diventino veri e propri disagi psicologici e comportamentali. 

Nell’ottica di poter intraprendere una prevenzione primaria, quindi prevenire il disturbo prima della sua insorgenza e assicurare benessere fisico e mentale alla persona limitando le tardive diagnosi infauste, il tavolo congiunto Cnop-Fimmg-Fimp nel giugno 2018 ha iniziato a inquadrare questa nuova figura professionale, più comunemente denominata "Psicologo di Famiglia".

Della figura in questione gioverebbe anche il sistema sanitario nazionale, che vedrebbe ascoltati, aiutati e considerati moltissimi dei suoi utenti.

La strada da fare, tuttavia, a livello burocratico e legislativo è ancora tanta. A ciò si aggiunge la diffidenza di base che ancora tante famiglie nutrono verso lo psicologo delle cure primarie.

Dal 1996, l’Istituto per la Prevenzione del Disagio Minorile di Roma, nel cuore del quartiere Casal Palocco, lavora nell’ottica di formare e sostenere quante più persone si trovano a contatto con i bambini, gli adolescenti e le loro famiglie. Grazie al lavoro di rete è stato sviluppato un lavoro sinergico tra varie figure professionali, psicologo, psicoterapeuta, avvocato, medici e pediatri di zona, che collaborano insieme con l’obiettivo di prevenire l’insorgenza del disagio nei bambini, adolescenti e nelle loro famiglie. Si allinea pienamente dunque a quanto emerso dal tavolo congiunto di giugno scorso.

Da molti anni è attivo un servizio di psicoterapia breve per gli adolescenti (14/15 anni-18 anni) per aiutare la persona ad analizzare la richiesta e ha trovare le risorse per poter affrontare il problema. È importante far sentire l’adolescente ascoltato, supportato e aiutato ed è importante che sappia che è parte attiva del suo processo di crescita e cambiamento.

Insieme al servizio per minori, è attivo un percorso di consulenza per il sostegno alla genitorialità.

La coppia genitoriale o il singolo genitore possono intraprendere così, un percorso parallelo a quello del proprio figlio, con l’obiettivo di crescere insieme e trovare le risorse per affrontare le fasi di crescita.

PER INFO E APPUNTAMENTI:

Segreteria: Lunedì e Venerdì dalle 15.00 alle 18.00

Tel: 06/90212566

info@ipdm.it

Sito webwww.ipdm.it

Facebook: IPDM onlus @soschild.org 

Pubblicato il 06/02/2019 alle ore 23:59

IPDM - Lo psicologo può collaborare con altre figure professionali?

Non ci sono articoli

Non ci sono articoli

Articoli pù vecchi di 3 mesi

Non ci sono articoli

Non ci sono articoli

Eventi in calendario

Non ci sono eventi

Centro Sociale Polivalente di Casalpalocco © Centro Sociale Polivalente di Casalpalocco - Codice fiscale 05580390580. Privacy e cookies policy.
Made with oZone iQ